AssociazioneADOP-Concorso2

Associazione di volontariato ADOP - Associazione D'Ottavi Paolo

Secondo Concorso

2° CONCORSO NAZIONALE di POESIA “ePoeta”

A partire dal 2012 l’Associazione ADOP indice un Concorso Nazionale di Poesia. In questa pagina vogliamo riportare la storia della Seconda Edizione che ha luogo a Trevi nel Lazio nel Luglio 2015. Molte le poesie arrivate da tutte le regioni d’Italia ed arduo il compito della giuria, presieduta dal Critico d’Arte Sergio Gabriele.
Dopo la selezione delle poesie si è fissata la data del 18 Luglio 2015 per la cerimonia di Premiazione della Seconda Edizione del Concorso Nazionale di Poesia “ePoeta”. Come sottolineato dal Presidente della Giuria, Sergio Gabriele, nella Presentazione, rispetto alla prima edizione il nome è cambiato da “Poeta anch’io” in “ePoeta” a sottolineare il valore universale della Poesia al di là di limiti ideologici, sociali, geografici con accento, rimarcato nel sottotitolo ("c'è qualcosa che viene prima della poesia: l'essere umano"), che al centro è posto l’essere umano, le sue esigenze e la sua condizione, quindi la sua espressione.

La mattina del 18 luglio inizia con l’arrivo a Trevi nel Lazio di un pulmino con circa trenta persone, provenienti dalla città di Aquino appartenenti ad associazioni di volontariato e di promozione sociale, che accompagnano la seconda premiata al concorso, la Signora Lucia Bellini. Gli ospiti nella mattinata hanno visitato, guidati dalle operatrici del Parco dei Monti Simbruini, la splendida Cascata di Trevi e il centro storico alla scoperta dei “ tesori “ che custodiscono l’Oratorio di San Pietro, la Cripta e la Collegiata di Santa Maria Assunta. Dopo il pranzo consumato in un ristorante locale, hanno raggiunto il Museo delle Piante attendendo il momento della premiazione sotto l’ombra di pioppi e salici.

La Signora Lucia da anni opera nell’ambito del sociale, è presidente dell’associazione S.A.M.A.N.T.A. capofila delle associazioni “Tumaini”, “Sole d’estate”, “Pioggia cadente” di Aquino, “Il Sorriso” di Sant’ Elia Fiumerapido, “Girotondo” di Esperia e “Fonte di Luce” di Monticelli. E’ stata una gioia vederla attorniata da tanti rappresentanti e soci delle associazioni su menzionate. Erano infatti presenti i legali rappresentanti di:

S.A.M.A.N.T.A. – Lucia Bellini
Pioggia cadente – Giacomo Mariani
Girotondo – Anna Giordano
Fonte di Luce – Catalina Uribe Urbano


Gli ospiti fanno parte del Progetto “Over 65” Giovani per sempre”, progetto finanziato dalla Regione Lazio con la delibera di appoggio del Comune di Aquino nella persona del Sindaco Dott. Libero Mazzaroppi e dell’Assessore Federica Di Sotto dando un bellissimo esempio di collaborazione tra le associazioni e le amministrazioni locali.
Nel primo pomeriggio riceviamo la visita del Poeta della terza poesia premiata Pasquale Bufano accompagnato dalla gentile signora e il figlio Francesco.



Foto degli amici di Aquino
Grazie per la gradita visita al nostro paese.


Alle ore 16 ha inizio la cerimonia con l'intervento del Sindaco di Trevi nel Lazio, Avv. Silvio Grazioli, a seguire l’intervento del Sindaco di Rocca di Botte (Comune gemellato con Trevi nel Lazio) Dott. Fernando Marzolini, del Prof. Carlo Taormina e del Dott. Enrico Panzini Commissario del Parco dei Monti Simbruini.

Dopo i discorsi augurali ha preso la parola il Presidente della Giuria, Sergio Gabriele.

Buongiorno, sono Sergio Gabriele, rivolgo un ringraziamento a tutti i presenti per aver accolto l’invito alla partecipazione, a tutte le Autorità, Enti, Strutture legate al Territorio che hanno reso possibile la realizzazione di questo evento, segnatamente l’Associazione di Volontariato Adop, presieduta dalla signora Laura Iona, che in questa, come nel resto delle sue azioni, garantisce l’impegno ad offrire un contributo di crescita culturale, umana, alle fasce più svantaggiate della società, in modo particolare verso i Giovani.
ePoeta. Siamo alla seconda edizione del Premio di Poesia che nella prima aveva il nome di “Poeta anch’io”, un nome che si è voluto mutare in ePoeta per rimarcare maggiormente, se mai ve ne fosse bisogno, che la Poesia non è appannaggio di pochi eletti che hanno avuto il dono, spesso non apprezzato, della penna, o della parola, ma fa parte del bagaglio naturale di tutte le persone sensibili, buone, modeste, che riconoscono il valore della Vita come dono, seppur nelle mille traversie che conosciamo. Questo senza lesinare toni aspri, proprio per la chiarezza dentro di sé del valore Vita, verso tutti coloro che ne fanno dileggio, noncuranza, indifferenza, perdendo una propria grande occasione, che non è eterna se non nel credo universale dei ciascuno, e inficiandola ai propri simili.
Al pari delle altre azioni dell’Associazione di Volontariato Adop, che predilige il fattore Cultura come metodo di conoscenza e crescita, il Premio di Poesia ePoeta vuole porre in evidenza l’importanza del Linguaggio e della Comunicazione come strumenti primari dell’interpretazione dei mutamenti che nell’odierno contesto sociale si sono fatti repentini secondo la nozione di tempo reale, ovvero di meditazioni veloci e altrettanto veloci conferme decisionali. Ciò deriva dalla evoluzione, anche se spesso si tratta di involuzione, dei mezzi di comunicazione ormai multimediali e multifunzionali e il Premio al Linguaggio, all’Espressione costituisce uno sprone ad accettare i mutamenti come stimolo ad esserci, ad esprimere, a farsi sentire anche e soprattutto quando la voce esce dal coro, rispettando la civiltà del confronto, ormai divenuta un genere di lusso.
La Poesia, come la Scrittura in genere, rientra nel novero degli strumenti privilegiati per potersi opporre all’omologazione imperante della Comunicazione, rischio grave soprattutto per i giovani, che ne fanno uso massiccio ma sempre meno critico, attento, cosciente. Su tutti il fenomeno Social Media, cui nessuno è più estraneo in qualche modo, e che appare come una grande piazza pullulante di amicizie, commenti, condivisioni ma spesso ad essere non condivisa è soprattutto la solitudine, la confusione, l’impreparazione a comunicare veramente. E sempre a proposito di Giovani, quella che ora è una menzione presente in ePoeta della Poesia dell’infanzia e dell’adolescenza diventerà nelle prossime edizioni una vera e propria Sezione con un proprio Premio dedicato.
La Poesia spesso è un grido taciturno, che a stento si rivela a se stessi figuriamoci ad un intorno magmatico fatto solo di successo strumentale, di apparenza, di arrivismo. Eppure la Poesia da sempre, e per sempre, rappresenta la vidimazione della presenza, rispetto a se stessi innanzitutto, e la capacità di districare il proprio umano possibile, le proprie sensazioni, le proprie emozioni, quelle universali, che sanno cioè diventare di tutti.
Ecco perché il Premio non è solo un riconoscimento di specie ma soprattutto una consacrazione dell’idea, della sua propagazione, anche verso una singola persona così come diceva Nelson Mandela “one man, one vote – un uomo, un voto” a favore del suffragio universale, ad indicare l’importanza anche di un solo voto rispetto al valore incommensurabile dell’essere umano che vi è dietro. Ed ecco infine svelato il perché del sottotitolo di ePoeta: “c’è qualcosa che viene prima della poesia: l’essere umano”. E questo non lo dobbiamo dimenticare mai, anche nella solitudine più dolorosa di questi tempi d’acciaio.


Potete leggere le poesie nella - RACCOLTA DELLE POESIE PREMIATE II° Concorso di Poesia

LE FOTO DELLA PREMIAZIONE





ARRIVEDERCI AL PROSSIMO ANNO !